Soprintendenza di Roma racconta

Scritto da Gilberto Maltinti

Fotoreporter e musicista, è romano e ha 53 anni. Diplomato al Conservatorio in contrabbasso, laureato in Etnomusicologia, è fotografo e redattore per giornali di viaggio, costume, attualità e gastronomia. I suoi clic offrono una personale rilettura di luoghi, storie, ogg

28 Settembre 2021

Un archivio e unico nel suo genere che custodisce gelosamente circa 20.000 positivi, 19.400 negativi in pellicola e 5.200 lastre di vetro in vari formati: un vasto patrimonio di immagini, composto da due fondi, uno della ex Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici del Lazio e un altro prodotto dalla ex Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici di Roma. Basta digitare #SoprintendenzAperta e come per magia si entra nell’Archivio fotografico che narra la storia di questa grande città.

Grazie all’impegno di storici e archivisti ogni settimana, sui social Facebook e Instagram della Soprintendenza, sarà presentato un capitolo della storia romana tratto dal suo Archivio Fotografico. Tra questi, gli interventi conservativi dell’Acquedotto romano a Porta Furba, la Basilica di San Lorenzo fuori le mura dopo il bombardamento del 19 luglio del 1943, i restauri della Basilica di Santa Sabina all’Aventino, e scene che narrano la vita di un tempo: le strade del centro storico, gli abiti d’epoca e gli strumenti e i metodi di lavoro di quasi un secolo fa.

Immagini in bianco e nero, testimonianze di un’altra epoca, lontana

In questo vasto archivio si può trovare la documentazione dell’attività di tutela svolta a Roma attraverso gli scatti realizzati in occasione dei cantieri di restauro, delle campagne vincolistiche e della catalogazione, ma anche in momenti di particolari emergenze. Le immagini compongono il mosaico della storia conservativa di edifici e decorazioni a partire dagli anni Trenta del secolo scorso.

  • Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma
  • Archivio Fotografico di Roma
  • #soprontendenzAperta
  • lastre fotografiche
  • negativi fotografici
  • positivi fotografici
  • pellicole fotografiche

Si trata di negativi di grande valore che integrano materiale disperso

In questo vasto archivio si può trovare la documentazione dell’attività di tutela svolta a Roma attraverso gli scatti realizzati in occasione dei cantieri di restauro, delle campagne vincolistiche e della catalogazione, ma anche in momenti di particolari emergenze. Le immagini compongono il mosaico della storia conservativa di edifici e decorazioni a partire dagli anni Trenta del secolo scorso.

La fotografia se ben archiviata fa la storia della Capitale d’Italia

La Soprintendente Speciale Daniela Porro, a capo della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma, è felice di questa iniziativa apre virtualmente le porte del suo archivio fotografico. E così basta un hashtag giusto per fare un passo indietro di quasi 90 anni e vedere una Roma che non c’è più.

Potrebbe interessarti anche…

Il libro Papi di fronte alla telecamera

Il libro Papi di fronte alla telecamera

Un rapporto intenso che comincia nel lontano 1896, con Leone XIII che si fa riprendere a passeggio nei Giardini Vaticani, e che poi passa dalla carezza ai bambini di Giovanni XXIII all’allunaggio dell’Apollo 11 seguito in diretta da Paolo VI. “I Papi di fronte alla telecamera”: un libro di Martina Luise, con la prefazione del cardinale Pietro Parolin, racconta come i Papi si siano confrontati con il mezzo televisivo e lo abbiano “usato” per la loro comunicazione

Leggere di Steve McCurry

Leggere di Steve McCurry

Sono quelle catturate dall’obiettivo di McCurry che svela il potere insito in questa azione, la sua capacità di trasportare le persone in mondi immaginati, in ricordi, nel presente, nel passato e nel futuro e nella mente dell’uomo.

Pin It on Pinterest

Share This