Parioli Fotografia

AUTENTICO  UNICO UFFICIALE  ICONICO

CORSI DI FOTOGRAFIA · SERVIZI FOTOGRAFICI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Afghanistan – Corridoio del Wakhan

Videocorso Fotografia Digitale

AUTENTICO  UNICO UFFICIALE  ICONICO

SERVIZI FOTOGRAFICI · CORSI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Bacoli (NA) – “La Sibilla Cumana”, Jorit

Corso Fotografia Bianco e Nero

AUTENTICO  UNICO  UFFICIALE  ICONICO

SERVIZI FOTOGRAFICI · CORSI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Roma – Lungotevere e Sacro Cuore in Prati di Castello

Corso Fotografia in Aula

AUTENTICO  UNICO  UFFICIALE  ICONICO

SERVIZI FOTOGRAFICI · CORSI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Israele – Tel Aviv Mediterraneo

Corso Base di fotografia

AUTENTICO  UNICO  UFFICIALE  ICONICO

CORSI DI FOTOGRAFIA · SERVIZI FOTOGRAFICI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

L’Aquila – Centro Storico

Accademia di Fotografia

AUTENTICO  UNICO  UFFICIALE  ICONICO

CORSI DI FOTOGRAFIA · SERVIZI FOTOGRAFICI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Scanno – Festa di Sant’Antonio

Scuola di Fotografia

AUTENTICO  UNICO UFFICIALE  ICONICO

CORSI DI FOTOGRAFIA · SERVIZI FOTOGRAFICI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Ventotene (LT) – Le mongolfiere di Santa Candida

Corsi Fotografia Online

AUTENTICO  UNICO UFFICIALE  ICONICO

CORSI DI FOTOGRAFIA · SERVIZI FOTOGRAFICI · MOSTRE · EVENTI · WORKSHOP · REPORTAGE · VIAGGI FOTOGRAFICI

Martinica Ferrara e Maria Strova – Dancers

Openspace nel cuore dei Parioli a Roma, PARIOLI FOTOGRAFIA è scuola di fotografia, galleria, studio di posa per servizi fotografici, con una ricca biblioteca di 1.000 volumi sulla fotografia, dove approfondire la fotografia e condividerne interesse e passione attraverso corsi, workshop, mostre, eventi e incontri. Lo studio PARIOLI FOTOGRAFIA è di Gilberto Maltinti, fotoreporter e videomaker di viaggi, attualità e lifestyle per settimanali e mensili del gruppo Espresso, Rizzoli, Corriere della Sera e Leggere:tutti.

Openspace in the heart of Parioli in Rome, PARIOLI FOTOGRAFIA is a school of photography, gallery, pose studio for photo shoots, with a rich library of 1,000 volumes on photography, where to deepen photography and share interest and passion through courses, workshops, exhibitions, events and meetings. The PARIOLI FOTOGRAFIA studio is by Gilberto Maltinti, travel, news and lifestyle photojournalist and videomaker for weeklies and monthlies of the Espresso, Rizzoli, Corriere della Sera group and Leggere:tutti.

party_mode

Didattica

feed

Blog

auto_awesome_mosaic

projects

campaign

Press

local_activity

Events

camera

Studio

assignment_ind

Services

people

About

group_work

Partners

email

Contacts

Trending now

Gilberto Maltinti svolge corsi di fotografia per tutti i livelli: base, intermedio, avanzato, street photography, bianco e nero, in presenza e online. Organizza anche viaggi fotografici e all'stero con la sua scuola Parioli Fotografia di Roma. Questa foto è stats scattata durante una delle sue lezioni di fotografia notturna con cavalletto a Castel  S. Angelo e San Pietro a Roma.

compra e REGALA UN CORSO DI FOTOGRAFIA

Ogni occasione è giusta per fare un regalo originale, utile e divertente. Corso base di fotografia in presenza, videocorso online, corso intermedio, passeggiate fotografiche in città, viaggi fotografici in Italia e all’estero tutto l’anno.
Scegli il regalo giusto per te tra i corsi proposti per il 2024!

Vai

HIGHLIGHTS

Call fotografica Io sono ciò che indosso con Roma Fotografia

“IO SONO CIÒ CHE INDOSSO?”

Call Fotografica

Partecipa alla Call Fotografica Internazionale di ROMA FOTOGRAFIA 2023.

Gli scatti di Allen Ginsberg. L’AI scrive nuove poesie dello scrittore Beat. La Fahey/Klein Gallery di Los Angeles sta offrendo una prospettiva affascinante e innovativa sulla vita e l'opera del poeta Allen Ginsberg attraverso una mostra che combina le sue fotografie con l'intelligenza artificiale. Questo progetto multidisciplinare, intitolato "Muses & Self: Photographs by Allen Ginsberg", porta alla luce due aspetti distinti ma interconnessi della creatività di Ginsberg: la sua passione per la fotografia e la sua influenza sulla poesia. La mostra espone una collezione di fotografie scattate da Allen Ginsberg stesso. Queste immagini catturano momenti intimi e spontanei con i suoi amici e colleghi della Beat Generation, ritraendo le figure iconiche come Jack Kerouac, William S. Burroughs e altri. Le fotografie sono intrise di autenticità e rivelano l'anima dell'epoca, oltre a riflettere l'evoluzione artistica di Ginsberg come fotografo nel corso degli anni. La sua scelta di catturare "istantanee" piuttosto che cercare una perfezione tecnica mette in evidenza l'importanza delle connessioni umane e delle esperienze condivise. Un elemento distintivo della mostra è l'integrazione dell'intelligenza artificiale nella comprensione delle fotografie di Ginsberg. L'uso dell'IA per generare didascalie e commenti alle fotografie può sembrare inizialmente sorprendente, ma in realtà aggiunge un nuovo livello di interpretazione e connessione. L'intelligenza artificiale è stata addestrata utilizzando il corpus testuale delle opere di Ginsberg e più di 400 delle sue fotografie. Questo consente all'IA di creare commenti che si riflettono nello stile e nell'anima di Ginsberg, offrendo un'ulteriore prospettiva sulla relazione tra le immagini e le parole. Il progetto "Un'immagine della mia mente: poesie scritte dalle fotografie di Allen Ginsberg" approfondisce ulteriormente questa interazione tra fotografia e poesia. L'IA, sviluppata in collaborazione con il collettivo di poesia theVERSEverse, genera poesie ekphrastic in risposta alle fotografie di Ginsberg. Questo dialogo tra le immagini e le parole crea una sinergia che amplifica l'esperienza complessiva della mostra. Queste poesie non solo offrono una prospettiva unica sull'opera di Ginsberg, ma possono anche rivelare strati più profondi di significato e connessione tra i diversi media artistici. Questa iniziativa mostra come l'intelligenza artificiale possa essere utilizzata in modo creativo e significativo nell'ambito delle arti visive e della letteratura. Non cerca di sostituire l'autenticità e l'ingegno di Ginsberg, ma piuttosto di arricchire il nostro rapporto con la sua opera, aprendo nuove prospettive interpretative e ampliando le possibilità di connessione tra diverse forme d'arte. In definitiva, questo progetto rivela come la tecnologia possa essere un mezzo per esplorare e rafforzare il ricordo e l'eredità di un artista e intellettuale influente come Allen Ginsberg. Allen Ginsberg è nato il 3 giugno 1926 a Newark, nel New Jersey, una città che oggi è diventata un sobborgo di New York. La sua infanzia è stata segnata da un ambiente privilegiato, poiché è stato il primogenito di una coppia benestante della borghesia ebraica. Suo padre era un rispettato docente di letteratura, mentre sua madre, di origine russa, era un'attivista filocomunista impegnata, che spesso portava il giovane Allen alle riunioni del partito. Questa esposizione precoce all'attivismo politico e alla critica sociale ha influenzato profondamente Ginsberg e ha contribuito a sviluppare la sua prospettiva politica unica che avrebbe permeato la sua vita e la sua opera. Fin dalla giovane età, Ginsberg ha dimostrato un interesse per le questioni sociali e la giustizia, sviluppando un desiderio di diventare un avvocato per aiutare gli operai e la classe sfruttata in tutto il mondo. La sua ricerca di significato lo ha portato a studiare e impegnarsi seriamente nel suo percorso di istruzione. Nel 1943, ha ottenuto una borsa di studio alla Columbia University, dove avrebbe sperimentato un incontro che avrebbe cambiato la sua vita. All'università, Ginsberg si unisce a un gruppo di giovani intellettuali che includono figure come Jack Kerouac, Neal Cassady, Lucien Carr e William Burroughs. Questo gruppo diventa il cuore pulsante del movimento letterario Beat, che avrebbe avuto un impatto significativo sulla cultura e sulla letteratura americana. L'esperienza con questi individui eclettici e curiosi ha ampliato gli orizzonti di Ginsberg, introducendolo a letture alternative e stimolando il suo desiderio di sperimentare e creare. Nel contesto della cultura Beat, caratterizzata da un atteggiamento di ribellione contro i valori e le norme borghesi, la gioventù si sente attratta dalla sperimentazione con le droghe, dalla trasgressione e dalla ricerca di nuove esperienze. Ginsberg è influenzato da questa atmosfera, ma mantiene una certa lucidità rispetto ai suoi amici, concentrando la sua energia sulla creazione letteraria. Le esperienze e le visioni suscitate dall'uso di sostanze psichedeliche contribuiscono al suo sviluppo di nuovi modi di percepire e interpretare il mondo, che lui e Kerouac chiameranno "New Vision" o "Nuove Visioni". Un momento cruciale nella vita di Ginsberg è la lettura del suo celebre poema "Howl" alla "Six Gallery poetry reading" nel 1955. Questo evento segna il suo ingresso nella scena letteraria e la sua ascesa alla fama. "Howl and Other Poems" verrà pubblicato nel 1956 dalla casa editrice "City Lights Books" di Lawrence Ferlinghetti e avrà un impatto rivoluzionario sulla letteratura del tempo. Il poema, con la sua franchezza e la sua presa di posizione a favore dell'omosessualità, affronta temi tabù e contribuisce a rendere Ginsberg una figura di spicco nella cultura e nella letteratura americana. La fama e l'influenza di Ginsberg crescono parallelamente all'espansione del movimento Beat. Nel clima di paura e sospetto scatenato dalla guerra fredda e dalla Commissione per le attività antiamericane, i poeti Beat diventano voci provocatorie e irriverenti che sfidano l'ortodossia e promuovono la libertà di espressione. Nel periodo degli anni '60, Ginsberg si apre a nuove sperimentazioni e influenze, abbracciando l'uso di sostanze psichedeliche, l'interesse per le religioni orientali e la diffusione del pensiero contro-culturale. La sua presenza magnetica e il suo coinvolgente "reading" pubblico attirano migliaia di giovani, e la sua passione per l'insegnamento lo porta a fondare la "Jack Kerouac School of Disembodied Poetics" presso il Naropa Institute in Colorado. La sua morte nel 1997 ha rappresentato la fine di un'era, ma il suo impatto sulla letteratura, la cultura e la politica continua a vivere attraverso le sue opere e la sua eredità come figura iconica del movimento Beat. Inizio modulo Fine modulo Pubblicazioni italiane di Allen Ginsberg Facile come respirare. Appunti, lezioni, conversazioni, minimum fax, 1998 Da New York a San Francisco. Poetica dell'improvvisazione, minimum fax, 1997 Jukebox all'idrogeno. Testo originale a fronte, Guanda, 2001 Parigi Roma Tangeri. Diari degli anni '50, Il Saggiatore, 2000 Urlo & Kaddish. Con cd, Il Saggiatore, 1999 Primi blues. Rags, ballate e canti con l'armonium (1971-1975). Testo originale a fronte, TEA, 1999 Diario indiano, Guanda, 1999 Papà respiro addio. Poesie scelte (1947-1995), Il Saggiatore, 1997 Urlo & Kaddish, Il Saggiatore, 1997 La caduta dell'America, Mondadori, 1996 Saluti cosmopoliti, Il Saggiatore, 1996 Testimonianza a Chicago, Il Saggiatore, 1996 Di Allen Ginsberg, Bob Dylan e Jack Kerouac: Battuti & beati. I beat raccontati dai beat, Einaudi, 1996 Su Allen Ginsberg: Thomas Clark, Intervista con Allen Ginsberg. Introduzione di Emanuele Bevilacqua, minimum fax, 1996

AI, FOTOGRAFIE E POESIE. IL NUOVO MONDO DI ALLEN GINSBERG.

Blog

Le fotografie di Allen Ginsberg allaFahey/Klein Gallery di Los Angeles. L’AI detta nuove poesie dello scrittore Beat.

corso di fotografia urbana notturna con cavalletto

corso di fotografia urbana notturna con cavalletto

Corsi

Quattro incontri per pensare fotograficamente al paesaggio urbano notturno come una superficie dinamica sulla quale agiscono e intervengono diversi spazi da esplorare e reinterpretare col nostro sguardo, ma soprattutto con i nostri obbiettivi fotografici.

Pin It on Pinterest